Ferdinando d’Aragona

Ferdinando dAragona fu l’unico figlio maschio di Alfonso V dAragona.

Nominato prima cavaliere sul campo di Maddaloni e successivamente nel 1439 fu nominato luogotenente generale del regno.

Nel 1445 sposò Isabella di Chiaromonte.

Nel 1458 con la morte di Alfonso, Ferdinando salì sul trono di Napoli.

Durante il periodo di reggenza subì più volte minacce da parte dei dAngiò e dei baroni.

Nel 1459 Ferdinando fu sconfitto a Sarno; l’anno successivo, nell’autunno del 1460 tornò alla riscossa e fu ospite nel convento di Santa Maria a Vico; in un solo giorno aveva costretto alla resa tutti i castelli della Valle Caudina. Matteo Boffa Stendardo, signore di Arienzo cercò di resistere; dopo qualche giorno, Matteo, ormai isolato si arrese e si affidò alla clemenza del re.

Ferdinando dAragona con atto di estrema magnificenza assegnò al convento il privilegio di 100 once all’anno. Dopo due anni dalla sconfitta di Sarno riuscì a infliggere la sconfitta nei suoi avversari a Troia.

La fine della ribellione dei Baroni fu seguita da venti anni di pace.

Nel 1480 ricominciò la crisi, Otranto fu invasa dai Turchi e proprio in questi anni Ferdinando dovendosi recare nella città occupata cercò di percorrere la strada più veloce, la Valle Caudina e non dimenticandosi dell’aiuto celeste ricevuto vent’anni prima, un giorno mentre era di passaggio si fermò a Santa Maria a Vico e nella cappella davanti alla statua della Madonna si inginocchiò e fece voto di abbellire ed ingrandire il convento e la chiesa se avesse avuto la vittoria contro i turchi.

Con una difficilissima battaglia, il 10 settembre del 1481 riuscì ad ottenere la vittoria sui Turchi e dopo pochi anni iniziarono i lavori di ampliamento della chiesa e del convento di Santa Maria a Vico.

Il 1485 fu segnato dalla congiura dei baroni e l’anno successivo Ferdinando partecipò alla guerra per il ducato di Milano ma nel 1493 il re di Francia Carlo VIII si preparava per invadere il Regno.

Ferdinando non riuscì a combattere la temuta invasione e morì poco prima, nel gennaio del 1494.

< indietro